Qual è il concetto di progettazione sismica in caso di interposizione di uno strato di malta e come ovviare al fatto che ci sia sempre uno strato interposto in caso di sollecitazione sia di taglio che di trazione?

L’installazione distanziata come l’installazione su strato di malta con spessore maggiore di metà barra filettata non sono ammesse né dalla Linea Guida 001 né dalla Norma Europea EN 1992-4:2018 per azioni sismiche. Infatti il taglio, applicato con braccio di leva sotto un’azione sismica, può provocare la rottura della barra per flessione. Questo però è il metodo costruttivo più comune di installazione delle carpenterie metalliche. Utilizzando un tacco di taglio (o sperone di taglio) saldato all’intradosso della piastra che trasferisce le azioni di taglio per contatto (pressione) direttamente alla fondazione di calcestruzzo, è possibile disaccoppiare la resistenza a trazione (affidata alle barre filettate) dalla resistenza a taglio (affidata al tacco/sperone di taglio).